6.8.14

Croeso i Gymru

Ed eccoci qua, nuovo Paese, nuova città.

La mia anima scozzese si rifiutava di calpestare suolo inglese, così cominciamo dal Galles e poi vedremo come va.

Cardiff, meta scelta a casaccio, perché non lontana da Bristol, dove atterriamo dopo esserci svegliate all'alba dei morti viventi a Barcellona, per prendere un aereo da Girona. Scarpiniamo di notte in una Barcellona ancora pienissima di gente ...


 ... E poi 13 ore per arrivare in Galles, che ci accoglie con nuvoloni che non promettono niente di buono e verde verde verde, che vivendo a Murcia non ci siamo più abituate.


Ad aspettarci c'è Nigel, couchsurfer vegano che ci ospiterà per 4 giorni, e dopo una doccia ristoratrice siamo pronte ad esplorare la città. Le nuvole ci fanno la grazia e allora decidiamo di cominciare il giro da Cardiff Bay. http://en.m.wikipedia.org/wiki/Cardiff_Bay

Dopo la II Guerra Mondiale questa zona era stata abbandonata e lasciata all'incuria, ma dal 1987 in poi è stata rivalorizzata e ripulita ... gli ecologisti erano contrari, perché inondando la zona si è perso l'habitat naturale di molte specie. Io lo leggo solo ora, ma durante la lunga passeggiata mi sorprende ritrovarmi su un lung(hissim)omare pulito, curato, pieno di gente a passeggio a godersi la giornata alla fine di sole.




Pierhead Building, con torre dell'orologio soprannominata il Big Ben del Galles.


Chiesa Norvegese, costruita - racconta Wikivoyage - per venire incontro al gran numero di marinai norvegesi che lavoravano al porto. Si dice che in questa chiesa fu battezzato lo scrittore Roald Dahl.


Il mare un po' grigio e un po' rosa.

Cardiff è pure la città dove sono stati girati un sacco di episodi di Doctor Who, serie che non seguo e di cui non sapevo nulla fino a pochissimi giorni fa, eccetto la connessione con le cabine blu della polizia. Ci sono fan sfegatati che vengono a Cardiff solo per seguirne le tracce, io lo farei per Sherlock, ma the Doctor non mi attira, nonostante i due episodi visti stasera per capirci qualcosa.


Dopo la lunghissima scarpinata invitiamo Nigel a cena, per ringraziarlo per l'ospitalità.

Ristorante indiano a gestione familiare, dove le nonne indiane siedono su 2 poltroncine all'entrata e ti scrutano, e secondo me scommettono su chi ce la farà a finire il piattone di cibo misto, vegano e piccantissimo che ci trasforma in 3 draghi sputafuoco, simbolo del Galles.

 

E vantaggi del couchsurfing: se fossimo venute da sole, se fossimo state in un ostello, probabilmente la passeggiata al porto l'avremmo interrotta a metà, sicuramente non avremmo mai mangiato in questo fantastico ristorante http://www.vegetarianfoodstudio.co.uk, né avremmo gironzolato tranquille e rilassante, senza preoccuparci almeno un giorno di non perderci.
Né avremmo visitato la zona dei canali, che è dove alloggiamo, appena fuori dal centro.

 

E l'avventura continua ...





6 comments:

  1. Direi che va sempre meglio...avete scelto una bellissima meta

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, siamo piacevolmente sorprese!

      Delete
  2. Mi piace molto l'idea del coachsurfing! Noi facciamo lo scambio di casa, che è una cosa analoga, ma forse un po' più laboriosa. Buona continuazione!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si scoprono un sacco di cose sui posti che viaggiando in maniera più tradizionale non si scoprirebbero!

      Delete
  3. Queste nuove forme di turismo ti consentono di entrare a più stretto contatto con il territorio :) mi piace!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sì, davvero, è proprio un altro tipo di viaggio, più intenso! Mi pare di essere via da un secolo!

      Delete

Che ne pensi?
¿Qué opinas?
What do you think?