27.8.17

La mia missione 2017 (giugno)

Con un po' di ritardo ecco il resoconto delle mie missioni di giugno ...

Mentre cammino verso il lavoro mi imbatto in qualcosa di sorprendente, più raro di un unicorno. UNA FONTANELLA! Mi fermo di botto, scioccata e una signora, notando la mia espressione sorpresa mi dice: sì, sì, non hai le traveggole, è proprio una fontanella.

Ebbene sì, risultato di mail mie e sicuramente di tante altre persone, in vari punti di Murcia hanno messo delle nuove fontanelle (ce ne sono pochissime, in genere nei parchi e molte non più funzionanti)!! Ricordate che Murcia è un semideserto, dove neanche il Diavolo viene in vacanza, dunque idea geniale.
(Peccato che queste fontanelle siano completamente di metallo e alle 3 di pomeriggio l'acqua che ne esce da giugno a settembre/ottobre sarebbe l'ideale per bollire la pasta ... ho già scritto velocemente al Comune, però riscriverò quando mi sarà venuta qualche idea da proporre per evitare l'inconveniente).

Continuando con il tema acqua, dopo aver titubato perché vorrei evitare di comprare oggetti nuovi, mi sono infine decisa a acquistare una KLEAN KANTEEN. Mesi fa avevo fatto la prova con una borraccia di vetro ricoperta di silicone, ma fin dal primo giorno non mi aveva convinta, il tappetto non mi sembrava potesse resistere agli sballottamenti nel mio zaino, quindi l'avevo restituita. Però le borracce di alluminio non mi soddisfavano proprio: l'acqua dopo un po' puzza e poi l'alluminio in molti studi è legato all'alzheimer. In previsione dei viaggi estivi così avevo deciso di investire in un prodotto di qualità e che spero mi durerà per anni. Io però sono di quelle che cerca di evitare di comprare online (perché è un altro spreco di risorse umane e naturali), quindi aspettavo di poterne comprare una a Valencia, dove queste borracce/bottiglie vengono vendute in un negozio.

La mia fortuna zerowaste ha voluto che una mia amica di Valencia venisse in visita a Murcia proprio a inizi giugno, che il negozio non fosse lontanissimo da casa sua, che avesse giusto il tempo di passarci, che ci fosse una bottiglia blu, insomma, recapitata a casa e anche in regalo, perché la mia amica ha deciso che non rivoleva i soldi!
Io ho scelto questa qua, che è da circa 800ml, perfetta da portare nello zaino. Credo che in futuro comprerò anche una bottiglia/termos che mantiene la temperatura, ma forse darò un'occhiata più approfondita online, cercando qualcosa che sia prodotto in Europa, magari in Spagna o in Italia.

All'inizio ero un po' dubbiosa, perché il tappo (che è di plastica, ma prossimamente ne comprerò uno di acciaio) mi pareva puzzasse e desse all'acqua un sapore dolciastro. Ma dopo circa una settimana e un paio di lavaggi tutto perfetto, sono molto soddisfatta dell'acquisto.
Un dettaglio: il colore è semplicemente uno smalto, quindi se tornassi indietro comprerei la classica non smaltata, perché lo smalto, sballottato nello zaino e di qua e di là durante i miei viaggi finirà per essere rigato/intaccato. Non che mi importi molto, ma effettivamente è inutile comprarle colorate.

Non mi stancherò MAI  di ricordare che le bottigliette di plastica dell'acqua non devono essere ririempite, sono fatte per essere usa e getta, al riempirle di nuovo si riempiono di batteri e la plastica comincia a 'cedere', inquinando l'acqua che si beve. I tipi di plastica più pericolosi sono il numero 1, 3, 6 e 7. Trovate il numeretto in un triangolino sotto o dietro le confezioni di ciò che comprate.
Guardate una bottiglietta d'acqua: numero 1! Plastico riciclabile, ma non riutilizzabile, può avere effetti sull'equilibrio ormonale!
Ricordatevi anche che i supermercati quando ricevono consegne di merce, soprattutto se voluminose, tendono a lasciarle fuori (area magazzino, marciapiede, fuori dalla porta!), spesso in posti dove batte il sole. E la plastica diventa molto più pericolosa e tossica per le sostanze che contiene se lasciata al sole.

A fine giugno ne ho anche approfittato per fare un po' di pulizie generali, mettendo in una busta all'ingresso cavi, cavetti, auricolari rotti della coinquilina, accendini eredità di chissà quale coinquilino, lampadine ... quando si ha solo un rifiuto non (facilmente) riciclabile, la tentazione di molti è pensare: vabbè, che vuoi che sia, lo butto nell'indifferenziata e basta ...
Ed ecco che le discariche sarebbero  (e sono ) piene di cose tossiche, che magari avrebbero potuto avere una seconda vita se smontate ecc. Io preferisco avere una bustina di impicci in casa e portarla al 'punto limpio', che è un camion per la raccolta rifiuti speciali (elettrodomestici, batterie, olio ecc) che ogni lunedì è parcheggiato per qualche ora a 5 minuti da casa mia, e ogni sabato davanti a un grande supermercato a 7-8 minuti da casa. A Murcia siamo molto fortunati ad avere questa possibilità e io cerco di diffonderne più che posso l'esistenza, ricordando ai miei alunni e amici che se hanno un oggetto che non sanno dove buttare, possono sempre portarlo a me, e io lo porterò al 'punto limpio'.


Poche missioni questo mese, ma se tutti facessimo quel poco, presto sarebbe un moltissimo per la nostra salute, quella del pianeta e anche quella degli animali.


20.6.17

Il verde perduto

Sono stata più di un'ora a guardare tutte le foto degli ultimi 6-7 anni, alla ricerca di un ricordo.
Possibile che in tutti questi anni che vivo a Murcia non io non abbia voluto catturare neppure una volta quell'immagine?
Forse succede così, i dettagli quotidiani, ciò che vediamo tutti i giorni, sono lì in un angolino del nostro cervello, ma non ci viene mai in mente che da un momento all'altro potrebbero non esserci.

Non ho una foto del mio fruttivendolo, né della strada che faccio a piedi tutti i giorni. Ho fotografato il ponte e il fiume che attraverso per andare in centro solo quando le abbondanti piogge di dicembre lo avevano quasi fatto esondare. O quando per il troppo caldo si era riempito di canneti e non si vedeva più l'acqua. Non ho foto della fontanella dove riempio la borraccia. Né dei merli che ogni mattina incontro, a fare colazione fra l'erbetta del giardino.

E non ho una foto del grande ficus che regalava fresco e ombra a una delle piazze principali di Murcia.
Dove ho cenato la prima sera, quasi 18 anni fa, al mio arrivo per l'erasmus. Dove ci sedevamo, ventenni, a scrivere bigliettini scemi su chi ci piaceva. Dove giocavamo a acchiapparella da grandi, perché in erasmus si torna ragazzini. Dove si finiva a prendere un gelato. Un punto di incontro. Per me il nucleo di questa città.

Una pagina web incontrata ora, nell'affanno della ricerca che a volte questo vuoto può provocare, mi racconta che il ficus veniva dall'Australia, era stato piantato nel 1893 ed era alto 30 metri.

Venerdì, forse per il grande caldo, 12 tonnellate di rami sono precipitate sulla piazza sottostante.
Questa volta, per fortuna, non ci sono state vittime. Nel 2000, proprio durante il mio erasmus, il crollo di uno dei rami aveva ucciso una persona e il ficus era stato circondato da una struttura metallica di protezione.

Video e foto dell'albero caduto hanno cominciato a circolare velocissimamente per whatsapp e facebook. Si vedeva la piazza invasa da rami e foglie e persone scavare fra il verde in cerca di feriti. Poi foto della polizia, pompieri e servizi di pulizia cittadina all'opera.

Chissà perché però mi aspettavo che avrebbero ripulito la piazza, messo in sicurezza il resto dell'albero e ...
Invece ieri, intenzionalmente, abbiamo sviato per passare per la piazza. Arrivandoci da un lato diverso, è stato scioccante. Sono rimasta là, con le lacrime agli occhi, come tante altre persone in piedi, imbambolate davanti al vuoto. Ridevo un secondo prima, ma sono rimasta senza parole. Era solo un albero in fondo e, spero, ricrescerà (sotto controllo più vigile).
Eppure quel verde che non c'è mi ha colpito come un pugno.

Gli alberi rimangono intatti se tu te ne vai. Ma tu no, qualora se ne vadano loro. (Markuu Envall)


12.6.17

La mia missione 2017 (maggio)

Questo mese parlavo della mia missione ad un'amica prendendo un caffè. Cerco di convincere tutti a scaricarsi l'applicazione TuMurcia per mandare avvisi al Comune su cose rotte, fuori posto, danneggiate ecc perché in fondo è stata creata per noi, ed è inutile lamentarsi quando poi - avendone la possibilità e il mezzo - non si fa nulla.

Appena lasciata l'amica, camminando verso casa, ecco la missione numero 1 del mese: una panchina rotta. Una delle stecche di legno era stata spezzata e non era più utilizzabile.
Inviato il messaggio al Comune, sono ripassata dopo 2 giorni ed era già aggiustata! Velocissimi!

Poi da un po' seguo la pagina facebook che si chiama Murcia Ciudad Sostenible (lì avevo scoperto che era possibile visitare il Centro Residui Solidi Urbani per vedere come vengono riciclati - se vi siete persi il post, era questo http://nonsipuotornareindietro.blogspot.com.es/2017/03/dal-secchio.html).
Ho notato che pubblicavano foto di spazzatura abbandonata accanto ai cassonetti (per pura sfaticatezza della gente, non perché fossero pieni) dicendo che avevano ricevuto un avviso ed avevano provveduto a mandare qualcuno a pulire. Così andando verso il lavoro, quando ho visto che qualche incivile aveva abbandonato un sacco di foglie e pezzi di palme sradicate, ho deciso di usare anche questo canale per avvisare e al ritorno dal lavoro, poche ore dopo era tutto pulito.


Certo però non dovrebbero essere loro a correre a pulire, ma noi cittadini a perdere 5-10 minuti del nostro tempo per buttare ogni cosa nel posto adeguato.

E rimanendo in tema smaltimento rifiuti, l'amica di cui parlavo all'inizio mi aveva dato un altro cellulare rotto, già inviato all'associazione che combatte contro la sindrome di San Filippo (http://www.movilsolidario.es/), il cui caricatore ho invece consegnato ai furgoni PuntoLimpio che periodicamente stazionano in varie zone della città per la raccolta dei residui non (facilmente) riciclabili.

La stessa amica mi ha dato anche vari cose di cui voleva liberarsi (auricolari vari di quelli che danno sui treni, bicchieri, un fodero per occhiali, un portapenne di legno) ed alcuni li ho tenuti per me, altri sono finiti nell'armadio book/objectcrossing, che in queste ultime settimane ha davvero preso il via e vede un'abbondantissima circolazione di libri e piccoli oggetti di tutti i tipi.

Io ho anche cominciato a raccogliere penne, pennarelli ed evidenziatori usati da inviare a http://www.terracycle.es/es . Come ben saprete, pur essendo di plastica, il materiale di cartoleria non è facilmente riciclabile, quindi questo programma è specialmente consigliato per scuole, università ed uffici dove si fa abbondante uso di questi materiali. Per ora ho cominciato nelle mie classi, ma prossimamente chiederò di mettere una scatola in ogni aula (anche se anche in questo caso la gente è un po' sfaticata - da noi all'università raccogliamo i tappi di plastica, c'è un grande scatolone al piano terra, ma mai che quelli del terzo piano dove mi trovo si prendessero la briga di togliere il tappo alle loro bottigliette e buttarlo nello scatolone - vabbè, lo faccio io).

Possono sembrare tutte azioni piccole, ma è proprio la somma dei nostri gesti quotidiani che contribuisce a migliorare o peggiorare l'ambiente in cui viviamo. E ci vuole così poco ...

E voi, che missioni avete realizzato il mese di maggio?

5.5.17

La mia missione 2017 (aprile)

Ad aprile sono stata in viaggio due settimane, ma quindi il mio spirito missionario l'ho portato con me in giro.

1) A Lisbona abbiamo cercato  di comprare il minimo di prodotti confezionati possibili. Nonostante tutto non ho potuto mantenere il mio standard (quasi) #zerowaste e allora ho deciso che potevo almeno cercare di riciclare. In ostelli e pensioni non sempre sono disponibili cestini per la raccolta differenziata, non avevamo un solo secchio in camera per tutto. Inoltre devo ammettere che a Lisbona non è proprio facilissimo trovare secchioni per la differenziata. Così ho raccolto tutto in una busta (alcune bottigliette di vetro di succhi di frutta, le bottiglie di plastica dell'acqua che ci davano al ristorante, quei 2-3 contenitori di plastica che proprio non siamo riusciti ad evitare) e mi sono portata la busta in giro l'ultimo giorno per smistare. Missione compiuta.

2) A Roma a casa dei miei ho ritrovato tutte queste buste e bustine che avevo conservato nel corso degli anni ... si vede che essere #zerowaste era proprio nel mio futuro. Molti #zerowasters comprano nuovi oggetti per adattarsi alla vita senza residui, io preferisco cercare di usare cose che già ho, o ottenerle con scambi ecc.
In questo caso è bastato rovistare nei cassetti e scatole ed ecco il mio armamentario per le compere sfuse, nel mio caso principalmente frutta secca e legumi.















Proprio sabato scorso per concludere bene il mese, ho deciso di fare una spesona il più possibile zerowaste o comunque di prodotti in pacchetti di carta o cartone o di vetro (i contenitori poi li riciclo per tenerci tutti i legumi, cereali, semini e frutta secca o per surgelare quando cucino - ormai una tradizione - grandi pentoloni di verdure al curry). Ho usato tutte le mie bustine, facendo il giro di vari negozi. 

I supermercati rendono la vita un po' più difficile perché le bilance non permettono di sottrarre la tara (o forse sí, ma sarebbe troppo complicato per loro) o per ragioni di igiene di usare i propri contenitori, quindi ho optato per la soluzione: uso bustine fine fine di plastica che ho in casa da secoli, peso i prodotti, pago e poi trasferisco il tutto nelle mie o direttamente nei contenitori. Stacco l'adesivo con il prezzo e conservo la bustina di plastica per riusarla. Un po' una rottura, ma io non compro quasi nulla al supermercato, quindi ...

3) Da piccola lo facevo già, all'improvviso me ne sono ricordata.
Che fare con i mozziconi di matita? Beh, quando avevo 8-9 anni li rompevo con i denti e usavo la mina in un portamine in cui entrano le mine grosse. Anche questo conservato per anni e ritrovato in un cassetto. Ora non uso più il metodo 'spacca coi denti', ma un coltello e un martello.
Molti mi dicono: ma perché non compri un portamine normale con le mine fine?
In primo luogo non amo le mine fine, in secondo luogo le mine vengono sempre vendute in piccoli contenitori di plastica che spesso non è riciclabile.
E fra l'altro ho una scatola piena di mozziconi di matite e colori raccolti negli anni, ora comincerò a consumarli! 















4) Credo di aver detto altrove che raccolgo tappi di plastica e metallo, bottiglie e flaconi di plastica e lattine e barattoli per donarli a una onlus che poi li rivende a aziende che si dedicano al riciclaggio di materiali. Però non ero mai stata a vedere dove/come questa onlus conservasse e organizzasse tutti questi materiali.

Purtroppo l'esperienza è stata scioccante. Non ci sono abbastanza volontari che si dedichino alla separazione dei materiali (perché purtroppo chi li dona li consegna spesso tutti mischiati) e non ci sono forse regole molto precise. Ho passato dunque varie ore sotto il sole a selezionare, eliminare cose non riciclabili (saprete bene che non tutti i tipi di plastica lo sono!), dividere ... e vorrei che la mia prossima missione grande fosse riuscire a collaborare di più in questo progetto che unirebbe il riciclaggio alla beneficenza. Vi dirò di più nei prossimi mesi.

2.4.17

La mia missione 2017 (marzo)

Continuo con la mia vita missionaria anche questo mese ...

1) Ho salvato libri dalla mondezza! 
Quando sono in giro butto sempre un'occhio alla zona cassonetti. Ho recuperato una comodissima poltrona che abbiamo a casa, un mobile e una sedia che ho venduto, dei giocattoli ...
Questa volta è toccato a una trentina di libri! Abbandonati insieme a un'infinità di altri oggetti (sembrava, che tristezza, lo svuotamento della casa di una nonna ... c'erano addirittura foto di famiglia). Li ho portati allo scaffale bookcrossing che ho istallato al lavoro.


Le stazioni, gli  aeroporti, gli ospedali, i supermercati, le università, le scuole, tutti i luoghi pubblici insomma, dovrebbero avere un armadio o scaffale di bookcrossing.Se ancora non sai cos'è, dai un'occhiata qui.

2) Ho donato un cellulare vecchio. In Spagna c'è l'associazione Stop Sanfilippo y Acción Contra el Hambre  che li raccoglie, ma sono sicura che in giro per il mondo ce ne saranno altrettante simili. È il terzo che mando, ora stamperò un cartello da mettere in classe, così se qualcuno è troppo pigro o non ha tempo di spedirlo, ci penserò io. Oltre ad essere un'azione solidale, si evita che i cellulari - altamente inquinanti - finiscano nei normali cassonetti. (Io non sono di quelle che comprano sempre l'ultimo modello, ho uno smartphone buono, che uso anche come macchina fotografica, e mi durerà - spero - molto a lungo).

3) Qualche settimana fa avevo scritto al Comune attraverso la solita applicazione TuMurcia, per avvisare che c'erano delle mattonelle del marciapiede e un pezzo di bordo che si erano staccati. Poi mi ero scordata di controllare se effettivamente fosse stato aggiustato e sì, ci sono passata questa settimana 

















4) Ho visitato il Centro per il trattamento dei rifiuti solidi urbani di cui vi ho parlato qui

5) Ho fatto (e continuo a fare) da magazzino per donazioni per mercatini organizzati da rifugio e santuari per animali. Da casa mia sono passate bustone di vestiti (occhio a chi li donate, è sempre preferibile la donazione per la vendita diretta di seconda mano in mercatini organizzati in modo occasionale, piuttosto che i contenitori o le promozioni fasulle di catene come H&M, leggetevi questo altro post che avevo scritto a proposito qui) e anche scatoloni di libri che ho smistato fra destinati al bookcrossing e vendibili tramite la applicazione wallapop da me direttamente per poi devolvere il ricavato in beneficenza. Così in queste ultime settimane ho consegnato libri qua e là (Moccia compreso!) e oggi ho fatto il bonifico del mese.
Io sono minimalista, quindi mano mano ho ridotto il numero di cose che posseggo, quindi dedico uno spazio di casa ad immagazzinare oggetti da vendere. Certo che però sarebbe meglio evitare di comprare e regalare cose inutili e donare direttamente fondi a cause solidali, piuttosto che dovere rivendere donazioni con evidente uso di tempo e risorse ...

6) Ho comprato per la prima volta detersivi sfusi! A Murcia hanno aperto da qualche mese un negozio della catena italiana Goccia Verde, dove poter acquistare prodotti delle pulizie e per l'igiene personale alla spina, portandosi i propri contenitori. Tutti i prodotti fra l'altro sono ecologici, senza i soliti bifenoli, fosfati e coloranti, quindi rispettosi verso l'ambiente e se stessi. Comprare il questo modo implica doversi organizzare un po' meglio e ricordarsi si prendere flaconi, bottiglie ecc, ma soprattutto dopo la visita al Centro Residui io ho ridotto praticamente del 95% gli acquisti di prodotti confezionati.

7) Ho salvato un ombrello rotto abbandonato pper strada e l'ho trasformato in uno stendino per calzini che così si asciugano prima perché sono stesi belli separati. Prima di buttare qualcosa penso sempre se potrei dargli un un nuovo uso e ormai su pagine e gruppi facebook ci sono milioni di idee, non per niente mi chiamo McGyver!


Ho fatto anche qualche altra cosina, ma per oggi concludo qui. Se traete ispirazione fatemi sapere! Che il mondo lo possiamo cambiare noi, tutti insieme e ciascuno nel suo puccolo.

19.3.17

Dal secchio a ...

Sono sempre stata un po' San Tommaso, preferisco vedere coi miei occhi più che ascoltare ciò che mi raccontano gli altri e se ho un dubbio faccio mille domande prima di criticare.
Così, stanca di sentire persone lamentarsi sul: ma che si ricicla a fare, intanto poi buttano tutto insieme? ho deciso di indagare in prima persona.

Vi è mai venuto in mente di andare a vedere come funziona una discarica? O un centro di riciclaggio rifiuti? Sapete dove va a finire tutto ciò che gettate nei cassonetti? Io ho voluto scoprirlo.

Su facebook seguo parecchie pagine di vita zerowaste (residui zero), di riciclaggio, di minimalismo e compagnia bella e facebook - che normalmente mi propone pubblicità di prosciutti o viagra - per una volta ha azzeccato, suggerendomi la pagina di Murcia Ciudad Sostenible. Così ho scoperto l'esistenza di un Centro per il Trattamento dei Residui Solidi Urbani a 18km da Murcia città e senza sapere esattamente di cosa si trattasse, mi sono unita a una scolaresca in gita per andare a visitarlo.

La responsabile del centro è stata gentilissima ed entusiasta. Non sono molte le persone che scelgono di andare a scoprire cosa succede alla loro mondezza! Qunidi sono stata trattata come un'ospite d'onore. Mentre i bimbi facevano il loro giro con spiegazioni adattate a loro, io ho potuto scoprire dati più tecnici, curiosità interessantissime, sbirciare nella zona macchine e fare tutte le domande che volevo.

Non entrerò nei dettagli, ma dopo questa visita mi sento di dire che tutti i cittadini dovrebbero visitare un centro del genere (ce ne sono di sicuro di simili in tutte le città) e poi fare i conti con la propria coscienza.

Innanzitutto ho scoperto che vetro e carta vengono riciclati altrove, il vetro spedito in un'altra regione e la carta a un altro stabilimento. Nella vostra città sapete come funziona?
La plastica e l'indifferenziata (a Murcia non ci sono ancora cassonetti per l'organico) che arrivano in questo Centro vengono trattate per poi essere passate ad altre aziende che si occupano dell'effettivo riciclaggio (passo successivo: trovarne una da visitare). È anche attivissima una zona di produzione di biogas, un capannone dove robot rastrellatori aiutano a trasformare scarti di origine organica per il compost, la zona residui industriali voluminosi, la parte residui dell'azienda di birra locale e tanto altro.

A Cañada Hermosa si sono organizzati con un'aula didattica con una simpaticissima incaricata che cerca di interessare i motivare le scuole in visita, un trenino per fare un giro turistico e dei corridoi sopraelevati e chiusi che permettono di scoprire il processo di separazione residui nelle fauci dei macchinari.

Ma lo sapevate che ognuno di noi produce più di un kg di mondezza al giorno? Eppure c'è ancora tantissima gente che non sa come usare i cassonetti o semplicemente se ne frega.
A Murcia, a differenza di Roma, non ho mai visto cassonetti o cestini straripanti, eppure - per ciò che sento dagli alunni delle mie classi all'università - non tutti riciclano tutto, si accontentano magari di spearare il vetro, o la carta, e il resto tutto al cassonetto dell'indifferenziato.

Il problema fondamentale è che tutto ciò che viene buttato nell'indifferenziato, verrà sì smistato, ma non potrà essere sfruttato appieno, uscirà insomma dalla catena del riciclaggio. Verrà magari usato in altri modi (produzione di energia), ma perderà tantissime vite e farà perdere a noi e al pianeta tantissime risorse.


Io non mi sarei mai aspettata di trovare macchinari così avanzati, che smistano, selezionano, incanalano, separano, soffiano, scuotono. Una tecnologia davvero spettacolare che però abbiamo il dovere di aiutare.
Come?

Con le 3 R + 1!
Rifiuta - e non mi riferisco solo a dire di no alle buste di plastica, ma per esempio alla cannuccia in una bevanda (perché non comprarsi una cannuccia di acciaio da portare in borsa?), alla scatole e scatolette per il cibo take away (io giro sempre con i miei contenitori e buste di tela di varie dimensioni), a quelle buste fine fine in cui si è obbligati a mettere la busta al supermercato (avete provato a chiedere se potete portarvi le vostre buste o contenitori?). Cerca alternative ecologiche ad oggetti di uso quotidiano: basta bottigliette o posate di plastica, torniamo ai fazzoletti o tovaglioli di tela ecc

Riduci - evita di comprare prodotti incartati in mille strati di plastica, cartone ecc. Preferisci i vecchi e cari negozi che vendono cibo, saponi ecc sfusi. Compra la quantità di cibo necessario, imponiti di donare ad una ONG i soldi equivalenti al prezzo del cibo che butti perché lo hai lasciato scadere in frigo o perché ne hai preparato troppo. Lo so, lo so, siamo in un mondo che corre. Ma io dopo aver visto coi miei occhi un hangar pieno di buste di mondezza penso che sia nostro dovere togliere tempo ad altro e pensare alla Terra, che è la nostra casa e nostra Madre.

Riusa - sii creativo, pensa a cosa potrebbe servirti quell'oggetto che vorresti buttare via. (prossimamente su questi schermi, stendino mobile fatto con un vecchio ombrello). E se proprio non serve a te, a chi potrebbe servire? Pensa, pensa, pensa. Chiediti pure: ma perché mai ho comprato questo oggetto se poi non l'ho mai usato? Blocca gli impulsi consumisti, metti i soldi in un salvadanaio invece di comprarti l'ennesima magliettina o blocchettino e risparmiali per un viaggio.

Ricicla  - se proprio non c'è più nulla da fare, allora butta nel cassonetto giusto. Però questo deve essere proprio l'ultimo passo. Prima di arrivarci pensa ancora una volta: ci sarà qualcuno che raccoglie questo tipo di oggetti? Ti meraviglierai! Ho scoperto quest'anno che ci sono associazioni che raccolgono cellulari rotti, penne usate, francobolli. tappi di bottiglia di plastica e di metallo. Unisciti a una pagina zerowaste della tua zona o Paese, scopri come autoprodurre. Gioisci se infine non dovrai scendere a buttare la mondezza tutte le sere.

E poi informati, chiedi, esigi. Non lasciare che siano le istituzioni a decidere per te. Non lanciare commenti negativi o critiche senza avere dati certi. E cerca soluzioni per aiutare il tuo Comune, la tua città, il tuo paesino, perché la mondezza non la generano loro, la produci tu.

Per me è stato un onore essere accolta al Cañada Hermosa e spero nei commenti di trovare qualcuno che mi racconti che, motivato da questo post, ha deciso di contattare un centro simile dalle sue parti e come è andata la sua visita.





6.3.17

È passato un anno

È passato un anno, amica.
Un anno da quando te ne sei andata, eppure non ti ho lasciata.
Ti ho trattenuta qui, ogni giorno, ti ho parlato come se ci fossi ancora.

È passato un anno, amica.
E la mia vita si è un po' arenata.
Non ho accettato che te ne fossi andata.
Non sono neppure venuta al tuo funerale.
Ho fatto finta, per un anno, che nulla fosse cambiato.
Che tu magari tti fossi trasferita in un altro Paese, a cercare lavoro.

È passato un anno, amica.
E ho pianto ogni giorno.
Mi si è chiusa la gola e non sono riuscita a respirare.
Ho dormito poco e male.

È passato un anno, amica.
E mi sono ammalata per il dolore.
L'ho tenuto dentro, stretto stretto, per non separarmi da te.
Ma so bene che non era ciò che avresti voluto.

Così oggi verrò a salutarti.
Verrò ad accettare che non ci sei più.
Non qui.
Respirerò forte.
Piangerò una volta ancora.
E poi stanotte ricomincerò a dormire.
E a guarire.


4.3.17

La mia missione 2017 (febbraio)

Ecco qua il resoconto delle mie attività di febbraio

1) Da 5 anni avevo in casa un bottiglione da 5 litri in cui generazioni di coinquilini di varie nazionalità avevano versato i loro resti di olio di fritture varie.
Io non friggo, ma so benissimo che un solo litro è in grado di formare una pellicola inquinante grande quanto un campo da calcio e di rendere non potabile un milione di litri d’acqua (pari a circa la quantità consumata da un individuo in 14 anni). Inoltre intasa le tubature e causa problemi anche ai depuratori più sofisticati.

Finalmente, approfittando di una passeggiata, ho portato il boccione puzzolente e unto a un Ecopuntomovil, una sorta di camion che il Comune di Murcia mette a disposizione dei cittadini, in varie zone della città e in vari orari, così chi non ha la macchina e non può arrivare fino all' Ecopunto fisso, ha comunque la possibilità di smaltire rifiuti che non vanno nei cassonetti.

Ricordate che neanche quello delle scatolette di tonno o dei cibi sottolio va gettato nel lavandino. Spesso sento dire: ma è poco poco. Ed è sempre questa la logica sbagliata. Tanti poco sommati fanno un sacco di milioni.

Voi che ci fate con l'olio usato?

2) A Murcia quest'anno ha fatto parecchio freddo. Diluvio a dicembre, addirittura neve a gennaio. Così la fioritura degli alberi di arance decorativi (ma non potevano piantare aranci normali????) quest'anno è cominciata più tardi e ora ci ritroviamo con gli alberi carichi di arance amare che cominciano a cadere, ad essere pestate dalle macchine, prese a calci dai bambini, tirate dagli adolescenti.
Probabilmente la potatura era prevista per dicembre, ma non c'era frutta sugli alberi. Quindi magari ritardata e dimenticata. Attraverso la solita applicazione del Comune di Murcia ho mandato un avviso ed è già tutta la settimana che stanno procedendo a taglio e pulizia. È un peccato che queste arance non siano mangiabili, mi dicono per ragioni di igiene e di spessore delle radici. A quanto pare vengono usate come cibo per gli animali. Che bello sarebbe se le città avessero giardini con alberi da frutta pubblici, credo ci sia un progetto del genere negli Stati Uniti. Io quando ero piccola andavo con mio padre e mia sorella a raccogliere le ciliegie o susine all'EUR a Roma. 

3) Nel corso della sua vita fertile una donna usa in media 12000 assorbenti. A parte che ci sono sprovvedute che li buttano ancora nel water (e chissà dove pensano che vadano a finire - tampax, assorbenti, salvaslip, salviettine umide e qualsiasi altra cosa che non sia carta igienica devono essere gettati nel cestino, non nel wc), ma a parte questo poche si soffermano a pensare sulla quantità di residui - non riciclabili - che si producono solo per il fatto di avere il ciclo. Io da anni uso la coppetta, ma a volte per motivi vari non è la soluzione migliore. E allora per evitare gli assorbenti usa e getta infine ho trovato quelli lavabili. Cercavo una marca locale (perché voglio evitare quanto il più possibile le spedizioni e gli imballaggi) e assorbenti che fossero venduti sfusi, non in confezioni di plastica. Ed eccoli qua, di una marca spagnola (Aguas de Luna), trovati in un negozio vicino al lavoro. Lavabili, si asciugano velocissimamente. 
Sono comodi, forse funzionano meglio per chi non porta pantaloni bragaloni come i miei, perché nel mio caso si muovono un po', ma forse è anche farci l'abitudine. Esistono di vari formati, gradi di assorbenza, colori e fantasie. Sono anche abbastanza facili da autoprodurre se si sa cucire.





4) Dopo aver dedicato una domenica mattina a raccogliere tutte le bottiglie di plastica che trovavo sulla mia strada (in campagna), ne ho passata un'altra a raccogliere lattine. Due bustone intere, abbandonate fra i cespugli, lungo il fiume, accanto alle panchine. Vecchie e arruginite e nuove nuove appena buttate.
Ho cercato di raccoglierle facendomi notare, un paio di bimbi hanno chiesto ai genitori che facevo, altri mi hanno guardato e sorriso. Su facebook varie persone si sono offerte ad accompagnarmi nella mia prossima missione raccatta-mondezza. Fra l'altro a quanto pare queste lattine sarebbero anche rivendibili e forse non lontano da casa mia dovrebbe esserci un posto che le accetta. Vi aggiornerò.

5) Ho smesso di portare bottiglie di plastica al lavoro e ora ne riutilizzo due di vetro (di succhi di frutta grandi, da 1.5l e da 700ml) ricoperte con dei vecchi calzini, di quelli che arrivano all'altezza del ginocchio, per attutire gli urti. Ho una borraccia di alluminio, ma oltre a non essere il materiale migliore, l'acqua dopo un po' puzza. Il vetro è decisamente meglio.

Le bottiglie di plastica non andrebbero mai riempite di nuovo (la plastica comincia a deteriorarsi e ce la beviamo) e comprarne sempre di nuove è più costoso che il riempire l'acqua alla fontanella dell'università, oltre a essere uno spreco assurdo di risorse. Fra l'altro la plastica è un interferente endocrino e può causare svariati problemi ormonali. Siete disposti a mettere la comodità prima della salute?

Queste sono alcune delle mie azioni del mese di febbraio. Altre foto ed info le trovate qui su facebook.




12.2.17

La mia missione 2017 (gennaio)

Ci ho pensato tanto, quando tornavo a casa frustrata, perché mi chiedevano la mia opinione e poi facevano tutto il contrario, quando venivo addirittura redarguita perché avevo troppe idee.

Ho pensato che era questa città che non aveva più niente da darmi, che forse dovevo cambiare lavoro, che non andava bene tutta questa tristezza e senso di impotenza. Sono stati mesi davvero tostissimi, perché ho dovuto imparare a dire no e a smettere di preoccuparmi per decisioni che non posso prendere io. 

Ci ricasco a volte, cercando di fare la cosa giusta ed essere efficiente, ma non è apprezzato, allora sto imparando a canalizzare le mie energie su obiettivi diversi, a ricordami ciò che mi piace fare (aiutare gli altri), a focalizzarmi su ciò che effettivamente è il mio lavoro (insegnare, stare in classe) e dimenticare il resto.  














Così ho deciso di cominciare #Mimisión2017, una serie di idee e progetti per migliorare la città dove vivo e i posti che visito, in modo concreto. Cliccate qui se siete su facebook e vedrete le foto di alcune delle cose che ho cercato di realizzare.  Spesso la gente di lamenta di disservizi, cose che non funzionano, parla di idee che renderebbero la vita di tutti migliore, ma poi non si fa niente per metterle in pratica. 
Io ho deciso di provarci. Condivido in caso qualcuno volesse prendere spunto.

Riassunto del mese di gennaio

1) Ho scritto a un paio di aeroporti in cui non ci sono fontanelle e l'acqua del bagno è imbevibile (perché esce calda o piena di cloro). Mi scoccia dover comprare una bottiglietta d'acqua ogni volta che passo i controlli di sicurezza, non per la spesa in sé, ma perché non voglio usare plastica per quanto possibile. Porto sempre con me la borraccia, vorrei poter riempirla. Lo farò per tutti gli aeroporti per cui passo. I due aeroporti a cui ho scritto (via facebook - pubblicamente) mi hanno gentilmente risposto che prenderanno l'idea in considerazione durante i lavori di rinnovo. Per smuoverli un po' di più ho fatto il paragone con un altro aeroporto loro vicino (quello di Edinburgo) che aveva ascoltato i passeggeri e installato le fontanelle proprio appena passati i controlli.

2) In Spagna (come in Italia) al supermercato non ci sono le macchinette per restituire i vuoti (bottiglie di plastica, lattine ecc) come esistono in Germania, Svezia ecc. Però proprio pochi mesi fa qui a Murcia sono state istallate due macchinette in due supermercati fuori città, dei ragazzi hanno fondato un'azienda che le vende. Pur immaginando che loro stessi staranno facendo di tutto per diffondere l'idea, ho scritto a tutte le catene di supermercati spagnoli (via facebook - pubblicamente) che mi venivano in mente, mandandogli il link dell'articolo riguardante le macchinette. Mi hanno risposto tutti, chi più chi meno, ringraziandomi ed alcuni trasferendo le informazioni al supermercato della catena qui a Murcia, altri passandolo alla persona incaricata. Vedremo.
Mi sono anche unita online a un'iniziativa a livello nazionale che spinge appunto affinché si  instauri di nuovo la soluzione vuoto a rendere.

3) Raccolta tappi di plastica. La sto facendo già da un paio di anni e oltre a quelli raccolgo anche i tappi metallici di birra e barattoli, le bottiglie di plastica, le lattine. Il tutto lo dono a un rifugio per cani e gatti, che poi rivende i materiali riciclabili. Dato che io tendo sempre più allo zerowaste (no rifiuti), mi faccio portare queste cose da alunni e amici e poi quando ne ho vari bustoni viene una ragazza a prenderle. Almeno siamo sicuri che verranno riciclati. Guardate nella vostra zona, perché almeno per i tappi di plastica, ci sono associazioni ovunque che li raccolgono. Qui a Murcia ora si possono lasciare anche all'università e, nel mio caso, anche dal mio medico di famiglia.

Il comune di Murcia mette a disposizione dei cittadini una nuova applicazione che si chiama tumurcia, per segnalare problemi, mandare idee, dare opinioni. È facilissima da usare e, magia delle magie, ti rispondono. 
L'ho usata per le seguenti azioni

3)  Vado sempre a passeggiare lungo una viaverde, un sentiero accanto al fiume che passa per varie frazioni di Murcia, per campi di arance e limoni, con le montagne sullo sfondo. Lo abbiamo scoperto da un paio di anni e ci andiamo di domenica, ad ossigenare il cervello. Sono un sacco di km, c'è gente che passeggia, altri in bici o a correre, persone coi cani. Ma non ci sono panchine! In tutto ce ne sono 4, in 2 ore di camminata. Ho scritto al comune proponendo che ne mettano qualcun' altra. Che ogni tanto sarebbe pure bello podersi sedere e godersi il paesaggio.

4)  A Murcia c'era un frigo solidale. Lo aveva messo un signore fuori dal suo negozio e ci si poteva andare a lasciare cibo che poi chiunque poteva prendere. Era un'ottima idea perché così si evitavano gli sprechi e si aiutavano persone meno fortunate. Se per esempio qualcuno comprava il tipico pacchetto di yogurt da 4, ne mangiava uno e non gli piaceva, ecco, poteva lasciare gli altri 3 nel frigo. Noi ci avevamo lasciato parecchie cose le varie volte che svuotavamo il frigo di casa prima di andare in vacanza. Il comune lo aveva fatto togliere (anche multando il povero benintenzionato) e promettendo una soluzione alternativa. È passato un anno e niente, nessun frigo solidale comunale. Così ho scritto al Comune ricordando la loro promessa e gli scriverò o telefonerò (ti forniscono anche un telefono da contattare quando mandi un suggerimento)  ogni mese finché non si smuove qualcosa.

5) Ho segnalato che c'era un cartello stradale (che indicava un parcheggio per moto) divelto e buttato vicino a dei cassonetti. Dopo 2 giorni passando per caso ho visto in diretta che lo stavano aggiustando! Che soddisfazione! 

Piccole vittorie o almeno la sensazione che qualcosa possa smuoversi, che ci sono istituzioni che quantomeno si prendono la briga di leggere e rispondere. E se non lo facessero insisterei.
Perché è nostro diritto vivere in città pulite, comode, che offrano servizi, ma è anche nostro dovere rendere noto alle pubbliche amministrazioni cosa possono fare per mantenerle in buone condizioni e migliorarle quotidianamente.

Dunque fatevi sentire, scrivete, diffondete, insistete. 
Siate voi il cambiamento che vorreste vedere nel mondo.



9.1.17

La verità sul riciclaggio del vestiario

Per cominciare bene l'anno minimalista, ripubblico qui un articolo che avevo scritto per un altro progetto dato che per me il tema è quantomai attuale, soprattutto dopo gli eccessi consumisti natalizi (non miei, non più).

È da parecchio tempo che rifletto sul tema dei vestiti che non metto più.
Li scambio, li regalo, ma ce ne sono alcuni che sono davvero troppo rotti o troppo usati per recuperarli.
E penso: esisterà un centro di recupero e riciclaggio fibre tessili?

Ci penso e poi me ne scordo.
Oggi però sono incappata in questo articolo qui, che parla proprio di questo tema.
Il fashion veloce sta creando una crisi ambientale.

Avete partecipato alla campagna di H&M : La moda non merita di finire nei rifiuti?
Sarebbe un'ottima trovata, no? Porti nei loro negozi i tuoi vestiti usati di qualsiasi marca, in qualsiasi condizione. E loro ti danno un buono da spendere nei loro negozi. In teoria i vestiti così raccolti vengono riutilizzati, recuperati o addirittura usati per produrre energia.

Ma nell'articolo sopracitato un portavoce di H&M ammette che "Only 0.1 percent of all clothing collected by charities and take-back programs is recycled into new textile fiber" 
(solo lo 0.1 % dell'abbigliamento raccolto dalle organizzazioni benefiche e dai programmi di restituzione è reciclato in nuove fibre tessili)

0.1% ... cioè un capo ogni mille!

Che fine fanno gli altri 999 capi?

- Vanno alle discariche e producono, decomponendosi, metano e gas che causano l'effetto serra

I capi di vestiario non si trasformano in compost, perché a differenza degli scarti alimentari, le loro fibre sono state trattate, stampate, colorate, insomma hanno passato vari processi chimici.
Quelli fatti di fibre sintetiche, dunque anche parzialmente di plastica, ci metteranno centinaia di anni a decomporsi.

Allora, direte voi, meglio metterli nei contenitori di raccolta vestiti o darli alla Caritas o rivenderli a un negozietto di seconda mano. E mettersi a posto la coscienza, no?
NO!
Di questi capi di abbigliamento solo una minima parte finiranno a persone che davvero ne hanno bisogno o saranno effettivamente venduti per continuare il loro ciclo d'uso.

Una gran quantità di vestiario proveniente dai nostri Paesi ricchi, compattato in balle, verrà inviato in Africa, sommersa ormai da donazioni di abiti di pessima qualità, che invadono i mercati locali e sovvertono le economie locali, o in India, agli inceneritori che inquinano aria ed acqua. 



L'unica VERA soluzione è smettere di comprare. 
Ma come, e tutti gli operai e le commesse rimarranno allora senza lavoro mi ribattono. 
Beh, quello è un altro problema che deve essere affrontato a parte.
Non esiste solo l'economia del consumo di oggetti.
Non salviamo i bambini poveri dell'India comprando i prodotti del loro lavoro pagato pochi centesimi al mese.
Non si può vivere e lasciar vivere, chiudendo un occhio e accettando soluzioni provvisorie. Bisogna fare di meglio ogni giorno. E che ognuno pensi ai suoi se e i suoi ma, e cerchi risposte sensate.

Non possiamo mantenere un ciclo di consumo e distruzione se il riciclo virtuoso non esiste.
Non possiamo chiudere gli occhi davanti a questa catastrofe, il nostro pianeta non è usa e getta, non possiamo comprarne un altro in saldo.

Scegliete capi che durino, che vi piacciano davvero, non comprate solo perché ci sono i saldi, perché intanto costa solo un euro, perché me lo metto quando dimagrisco.
Imparate a cucire, a modificare, ad abbinare.
Date un'occhiata a pagine come BUY ME ONCE (comprami una sola volta), che si stanno espandendo internazionalmente e  che garantiscono che i loro articoli dureranno davvero una vita. Come era all'epoca dei nostri nonni.

E non usate lo shopping come valvola di sfogo per frustrazioni e arrabbiature, come contentino, come ricompensa del fine settimana.
Coi soldi così risparmiati io viaggio, vado a mangiare fuori, compro prodotti alimentari di migliore qualità.
Insomma, l'economia continuerà a muoversi anche se DITE NO alla centesima maglietta delle solite marche.
Non è facile e certo non si può realizzare di botto, ma la prossima volta che sarete tentati di comprare uno straccetto di maglietta, pensateci due volte, valutate le alternative, informatevi, condividete informazioni.

(E se parlate inglese ascoltate questo)