12.2.17

La mia missione 2017 (gennaio)

Ci ho pensato tanto, quando tornavo a casa frustrata, perché mi chiedevano la mia opinione e poi facevano tutto il contrario, quando venivo addirittura redarguita perché avevo troppe idee.

Ho pensato che era questa città che non aveva più niente da darmi, che forse dovevo cambiare lavoro, che non andava bene tutta questa tristezza e senso di impotenza. Sono stati mesi davvero tostissimi, perché ho dovuto imparare a dire no e a smettere di preoccuparmi per decisioni che non posso prendere io. 

Ci ricasco a volte, cercando di fare la cosa giusta ed essere efficiente, ma non è apprezzato, allora sto imparando a canalizzare le mie energie su obiettivi diversi, a ricordami ciò che mi piace fare (aiutare gli altri), a focalizzarmi su ciò che effettivamente è il mio lavoro (insegnare, stare in classe) e dimenticare il resto.  














Così ho deciso di cominciare #Mimisión2017, una serie di idee e progetti per migliorare la città dove vivo e i posti che visito, in modo concreto. Cliccate qui se siete su facebook e vedrete le foto di alcune delle cose che ho cercato di realizzare.  Spesso la gente di lamenta di disservizi, cose che non funzionano, parla di idee che renderebbero la vita di tutti migliore, ma poi non si fa niente per metterle in pratica. 
Io ho deciso di provarci. Condivido in caso qualcuno volesse prendere spunto.

Riassunto del mese di gennaio

1) Ho scritto a un paio di aeroporti in cui non ci sono fontanelle e l'acqua del bagno è imbevibile (perché esce calda o piena di cloro). Mi scoccia dover comprare una bottiglietta d'acqua ogni volta che passo i controlli di sicurezza, non per la spesa in sé, ma perché non voglio usare plastica per quanto possibile. Porto sempre con me la borraccia, vorrei poter riempirla. Lo farò per tutti gli aeroporti per cui passo. I due aeroporti a cui ho scritto (via facebook - pubblicamente) mi hanno gentilmente risposto che prenderanno l'idea in considerazione durante i lavori di rinnovo. Per smuoverli un po' di più ho fatto il paragone con un altro aeroporto loro vicino (quello di Edinburgo) che aveva ascoltato i passeggeri e installato le fontanelle proprio appena passati i controlli.

2) In Spagna (come in Italia) al supermercato non ci sono le macchinette per restituire i vuoti (bottiglie di plastica, lattine ecc) come esistono in Germania, Svezia ecc. Però proprio pochi mesi fa qui a Murcia sono state istallate due macchinette in due supermercati fuori città, dei ragazzi hanno fondato un'azienda che le vende. Pur immaginando che loro stessi staranno facendo di tutto per diffondere l'idea, ho scritto a tutte le catene di supermercati spagnoli (via facebook - pubblicamente) che mi venivano in mente, mandandogli il link dell'articolo riguardante le macchinette. Mi hanno risposto tutti, chi più chi meno, ringraziandomi ed alcuni trasferendo le informazioni al supermercato della catena qui a Murcia, altri passandolo alla persona incaricata. Vedremo.
Mi sono anche unita online a un'iniziativa a livello nazionale che spinge appunto affinché si  instauri di nuovo la soluzione vuoto a rendere.

3) Raccolta tappi di plastica. La sto facendo già da un paio di anni e oltre a quelli raccolgo anche i tappi metallici di birra e barattoli, le bottiglie di plastica, le lattine. Il tutto lo dono a un rifugio per cani e gatti, che poi rivende i materiali riciclabili. Dato che io tendo sempre più allo zerowaste (no rifiuti), mi faccio portare queste cose da alunni e amici e poi quando ne ho vari bustoni viene una ragazza a prenderle. Almeno siamo sicuri che verranno riciclati. Guardate nella vostra zona, perché almeno per i tappi di plastica, ci sono associazioni ovunque che li raccolgono. Qui a Murcia ora si possono lasciare anche all'università e, nel mio caso, anche dal mio medico di famiglia.

Il comune di Murcia mette a disposizione dei cittadini una nuova applicazione che si chiama tumurcia, per segnalare problemi, mandare idee, dare opinioni. È facilissima da usare e, magia delle magie, ti rispondono. 
L'ho usata per le seguenti azioni

3)  Vado sempre a passeggiare lungo una viaverde, un sentiero accanto al fiume che passa per varie frazioni di Murcia, per campi di arance e limoni, con le montagne sullo sfondo. Lo abbiamo scoperto da un paio di anni e ci andiamo di domenica, ad ossigenare il cervello. Sono un sacco di km, c'è gente che passeggia, altri in bici o a correre, persone coi cani. Ma non ci sono panchine! In tutto ce ne sono 4, in 2 ore di camminata. Ho scritto al comune proponendo che ne mettano qualcun' altra. Che ogni tanto sarebbe pure bello podersi sedere e godersi il paesaggio.

4)  A Murcia c'era un frigo solidale. Lo aveva messo un signore fuori dal suo negozio e ci si poteva andare a lasciare cibo che poi chiunque poteva prendere. Era un'ottima idea perché così si evitavano gli sprechi e si aiutavano persone meno fortunate. Se per esempio qualcuno comprava il tipico pacchetto di yogurt da 4, ne mangiava uno e non gli piaceva, ecco, poteva lasciare gli altri 3 nel frigo. Noi ci avevamo lasciato parecchie cose le varie volte che svuotavamo il frigo di casa prima di andare in vacanza. Il comune lo aveva fatto togliere (anche multando il povero benintenzionato) e promettendo una soluzione alternativa. È passato un anno e niente, nessun frigo solidale comunale. Così ho scritto al Comune ricordando la loro promessa e gli scriverò o telefonerò (ti forniscono anche un telefono da contattare quando mandi un suggerimento)  ogni mese finché non si smuove qualcosa.

5) Ho segnalato che c'era un cartello stradale (che indicava un parcheggio per moto) divelto e buttato vicino a dei cassonetti. Dopo 2 giorni passando per caso ho visto in diretta che lo stavano aggiustando! Che soddisfazione! 

Piccole vittorie o almeno la sensazione che qualcosa possa smuoversi, che ci sono istituzioni che quantomeno si prendono la briga di leggere e rispondere. E se non lo facessero insisterei.
Perché è nostro diritto vivere in città pulite, comode, che offrano servizi, ma è anche nostro dovere rendere noto alle pubbliche amministrazioni cosa possono fare per mantenerle in buone condizioni e migliorarle quotidianamente.

Dunque fatevi sentire, scrivete, diffondete, insistete. 
Siate voi il cambiamento che vorreste vedere nel mondo.



8 comments:

  1. Brava! che belle idee, speriamo tutte si avverino, ma mi piace soprattutto quella del frigo solidale quindi faccio il tifo soprattutto per quella!

    ReplyDelete
    Replies
    1. In Germania ne ho visti parecchi, in Spagna ci sono in varie città, qua a Murcia il comune ha deciso di chiuderlo dicendo che era pericoloso (come mai non lo sia in altre città non me lo spiego) ... ma insisterò!

      Delete
  2. I miei commenti su blogspot sono sempre difficili da inserire, ti avevo scritto ieri sera ma vedo che si è perso tutto nell'etere :(
    Ti dicevo: la Spagna dal punto di vista del sociale e della solidarietà mi ha insegnato moltissimo.
    L'idea del frigo condiviso per esempio è geniale, peccato che ci sia spesso qualche mente chiusa che bolla queste iniziative private come "pericolose", quando in realtà sopperiscono a una mancanza dal lato pubblico...
    Complimenti per la tua bella lista! :)
    Giulia

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma com'è blogspot è così problematico?? Bohhh! Prossimamente chiamerò il numero che mi è stato fornito per vedere che idee hanno riguardo al frigo solidale! Per ora per evitare sprechi cerco di condividere il cibo che non uso su gruppi facebook!

      Delete
  3. Bellissime iniziative. Anche io faccio la raccolta dei tappi di plastica, direi che quella è ormai una prassi abbastanza diffusa.
    Si comincia anche a vedere qualche macchina dove buttare le lattine e le plastiche, l'ho vista nel comune di Monselice. Per ogni lattina, ti danno alcuni centesimi di euro su una app.
    Mi piace molto il tuo approccio, direi che potrebbe nascere una bella partnership virtuale (il consiglio è arrivato da Giulia, che ti ha commentato qui sopra).
    A presto!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Fammi sapere se ti va di collaborare in qualche modo! ;-)

      Delete
  4. Sai che non so se in Scozia fanno la raccolta tappi? Bisogna che mi informo, anche perche' il comune di Glasgow non li ricicla, per cui finiscono nell'immondizia generica :(

    ReplyDelete
    Replies
    1. Mi pare che in UK li raccolga LUSH!

      Delete

Che ne pensi?
¿Qué opinas?
What do you think?