8.12.13

L'Arancia meccanica

Glasgow la conosco come le mie tasche.

Perché quando ci vivevo la sterlina valeva 3000 lire e allora io per risparmiare andavo sempre a piedi, alla ricerca di offerte 'reduced to clear' dei supermercati, che a una certa ora i vari SainsburyTescoAsda vogliono sbolognare pane, dolci, panini, insalate e bustine di mini chicchi d'uva o mele nane affettate e allora ci appiccicano un adesivo giallo e un prezzo ridicolamente basso ed è la gara fra studenti poveracci e non solo, a vedere chi arrafferà la zuppa di carota e coriandolo (mi giro due secondi ed è scomparsa) o il panino uovo ed erbette (ne andavo ghiotta, ma ora non sono 'suitable for vegans).

A Glasgow ci torno, anche se - e proprio perché - la conosco come le mie tasche, quando ho bisogno di riposo, di non fare la turista, di gironzolare senza perdermi, di freddo in inverno - perché a Murcia in classe mi tocca accendere ancora l'aria condizionata in classe - e perché è la casa del mio cuore.

Ci torno dopo settimane in cui la mia vita è casa lezione casa e zero blog e ho bisogno di ricordare che c'è altro oltre alla me-prof terrore fonetico degli alunni spagnoli, che pronunciano hustle e asshole allo stesso modo.

A Glasgow - e in Scozia in generale - 2 giorni fa il vento si portava via la gente e addirittura i camion, ma ieri quando il mio aereo è atterrato senza neppure i soliti Ryanbalzelli c'erano le nuvole, ma neppure la pioggia e la mia giaccobesa l'avrei potuta pure portare senza ripieno.

E dato che Glasgow la conosco, da brava non turista corro subito al supermercato a fare incetta di flapjacks che in Spagna non li posso più ordinare e me li sogno di notte e di giorno e mi godo le luci natalizie e frasi rubate di accento tutte rrrrrr.

Poi è sera di vegan-incontri (che però meritano un post a parte) e per una volta faccio un'eccezione alla regola di 'a piedi sempre e comunque' che conoscono bene quelli che mi sono trascinata dietro in questa città, facendoli scarpinare con la scusa di è vicino, alla fine di questa (interminabile) strada (che tu non lo sai ma continua dritta fino a quando Glasgow non è più città, ma zona di guerra e coltelli).

E quest'eccezione la faccio perché sono curiosa di prendere la metro, che a Glasgow è una sola linea, circolare, e la avranno fatta magari per gli ubriaconi, che dove la prendi la prendi non ti sbagli, e prima o poi arriverai comunque alla tua fermata.

E io pure mi sono bevuta una pinta e allora penso sia quello che me lo fa sembrare così piccolo 'sto trenino, ma no, è proprio così, se sei alto non c'entri, e se soffri di claustrofobia evitala.

Perché l'Arancia Meccanica, come la chiamano http://en.wikipedia.org/wiki/Glasgow_Subway , pare piuttosto un salottino/sala di attesa di un medico di famiglia in un paesino, si sta tutti seduti vicini vicini sulle panche vellutate, e gli ubriaconi del dopocena superano la proverbiale timidezza e diventano amici per la pelle in 3 fermate.

E c'è pure quella che trova sul suo sedile una confezione di un test di gravidanza, decide di annunciare scherzosamente che è incinta, e giù gente a farle foto e a mandarle baci.

Perché i Glaswegian sono così, sono i mediterranei del nord, e si vede che fremono per parlare, darti un consiglio, farsi una risata, dirti cheers, all right mate, nye bother. E io mi innamoro di tutti, dei panzoni, degli spilungoni, di quelli in maniche corte a 3 gradi, di quelli coi tatuaggioni e il collo che nemmanco Conan il barbaro, e come sempre mi scordo che di solito vivo altrove e che un altrove esiste.







8 comments:

  1. SPLENDIDA....

    Poi, oh, io da Tesco ci vivrei... anche se son vegetariana e nel pane ci hanno trovato i topolini :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. I topolini? Io li ho avuti in casa lo scorso anno 'grazie' a una coinquilina lurida!

      Delete
  2. Che post!!! Quando scrivi così d'un fiato, è come se ci portassi dentro a quello che vivi. Wow.

    ReplyDelete
    Replies
    1. :-) a Glasgow poi tutti dovrebbero venirci!

      Delete
  3. Bella sempre la nostra Glasgow. Anche se passano gli anni l'amore resta!

    ReplyDelete
  4. Bellissima Glasgow... e il tuo post invoglia così tanto ad esserci (o tornarci) che vorrei prendere il primo aereo diretto in Scozia!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anche io ripartirei subitooooo ...

      Delete

Che ne pensi?
¿Qué opinas?
What do you think?