30.12.13

Cosa mangia un vegano a Natale?

Da un po' di Natali a questa parte, mentre tutti ingrassavano e trangugiavano cocacola per digerire, io magicamente dimagrivo.
Qual era il mio segreto?

Essere vegetariana a una tavola onnivora.

Così mi mangiavo una mozzarellina all'inizio, e due funghetti e un carciofino, gli antipasti li saltavo quasi a piè pari, nonostante fossero vegetarian-friendly.
Niente primi, inclusa la lasagna senza carne, perché non è che io vada matta per la pasta.
Poi quando arrivava il momento dei secondi pregavo in silenzio per le anime dell'arrosto e dell'abbacchio.
I contorni, quando tutti già boccheggiavano e cominciavano a sudare freddo e ad abbioccarsi, mi vedevano impadronirmi delle insalate e brucare come una capretta e a maledire i semini di melograno che mi si conficcavano nelle gengive.


Erbivoro-Natale di qualche anno fa.

Poi però una fetta di panettone o pandoro ci scappava, e magari anche un po' di torrone.
Nonostante tutto, mentre gli altri sbottonavano la cinta, per me niente magnate, e insomma, mi ero abituata.

L'anno scorso poi, quando sono diventata vegana, mia madre arrabbiatissima (o forse preoccupatissima per la mia inculumità) non mi ha preparato niente che io potessi mangiare, niente.

Mi sono ritrovata a farmi un piatto di verdure scondito e a sentirmi incredibilmente leggera. Niente panettone, niente pandoro, centellinavo la cioccolata vegana ricevuta in regalo, un quadruccio al giorno e credevo sarebbe stata per sempre così.
Non ci capivo niente fra seitan, tofu, mopur, formaggi ed insaccati vegan e compagnia bella.
Anzi diciamo che ero proprio all'oscuro dell'esistenza di alcune cose.

A Natale 2012 ero l'unica persona in tutto il circondario che di mattina faceva le flessioni.



Natale dietetico 2012

Ma in un anno le mie vegaconoscienze si sono moltiplicate.
Stavolta ho viaggiato con la valigia carica carica di cibarie.
E arrivata a Roma ho trascinato mia madre da Natura Sì, aperto nel mio quartiere (Garbatella) proprio pochi mesi fa.

Lei come al solito aveva preparato il men, scopiazzando e cambiando quello dello scorso anno.
Io ho approfittato del caos natalizio per correggere di qua, tagliare di là, sostituire di su e ridurre di giù. L'ho seguita al supermercato normale, togliendo mozzarelle e mayonesi dal carrello, e giocando sul questo l'ho portato io, mica se ne accorge nessuno, vedrai che quest'anno non ti viene una colica.

E così è stato.
Niente coliche, niente avanzi da buttate, niente che sia andato a male, nessuna sensazione di scoppiare/esplodere/sbombardare, nessun abbacchio sacrificato.

Il nostro menù, quasi al 100% vegano (l'anno prossimo mi informo prima sulle sfoglie per la lasagna senza uovo e la carne macinata veg la porto io, che a Murcia c'è, e poi cerco altri antipasti che ci aiutino ad eliminare la fetta di prosciutto crudo e la mini mozzarella, e poi porto o rimedio il tonno vegano, che esiste cari lettori, esiste), buonissimo e leggero, è rappresentato - in parte - da queste foto.


E mentre tutti gli altri anni osservavo gli altri mangiare e ammiravo la mia pancia piatta allo specchio, quest'anno ho scofanato anche io, ho provato tutto TRANNE l'insalata.

Ecco, questo per dire che un Natale tradizionale è possibile anche con ingredienti alternativi, che ormai c'è proprio di tutto, che magari questi prodotti costano un po' di più, ma sono tutti di ottima qualità, sono comunque per un'occasione speciale e dopo un paio d'ore tutto digerito, panzona scomparsa e BUON NATALE.

Ah, poi oltre a non far ingrassare, il cibo vegano a quanto pare fa crescere. Da quando sono arrivata 3 persone diverse mi hanno detto che sono cresciuta. Sarà che ho solo 12 anni e mezzo, come dice/pensa la mia nipotina Eleonora, e quindi sono in piena fase di crescita.


9 comments:

  1. Che bello...
    Per me è ancora un sogno. E infatti continuo a guardare gli altri e a sentirmi leggera!

    ReplyDelete
    Replies
    1. In realtà è stato facilissimo preparare/trovare queste cose!

      Delete
    2. Infatti la difficoltà è farle accettare ai miei commensali. Sob.

      Delete
  2. Brava. Io dai miei non ho fatto altro che predicare i danni del mangiare carne, ma figurati, un po' l'ho mangiata anche io.
    Da dopo le feste potro' tornare al mio quasi veganesimo.
    A Spoleto il ragu' vegano c'e'...se vieni a trovarmi te lo cucino!

    ReplyDelete
    Replies
    1. La prossima volta che torno ci organizziamo e ci vediamo, stavolta sono stata travolta dagli eventi ...

      Delete
  3. Le lasagne vegane le trovi anche non da naturasì, sono marca "delverde" e sono fatte di semplice pasta di semola. Ah, non sono nel reparto frigo, sono come i cannelloni, secchi, in mezzo alla pasta normale. Che ridere, ho trovato il loro sito ma è in inglese xD
    http://www.delverde.us/index.php?pag=products&categoria=ondine&sottocategoria=ondine&prodotto=187

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sguinzaglierò mia madre alla ricerca!

      Delete
  4. Sono vegetariana, il veganismo mi attrae ancora poco.
    Ma volevo dirti che e' vero, i piatti senza carne&pesce sono migliori di molte ricette tradizionali e blasonate...

    Ho letto che se il vegetarianismo si potesse prescrivere con una pillola, non ci sarebbe dottore che non lo farebbe. :)

    ReplyDelete
  5. Ma infatti noi mangiamo MOLTO meglio da quando siamo vegan!! Anche adesso che abbiamo eliminato grassi/olio etc. ci trattiamo piuttosto bene! Pensa che anche la ragazza di Chris, e persino il fratello, vengono a mangiare da noi spesso (quando faccio certi piatti)!!! Lo sanno che e' tutto vegano e senza olio, eppure…
    Comunque brava tua mamma che si e' "flessibilizzata"… e auguroni

    ReplyDelete

Che ne pensi?
¿Qué opinas?
What do you think?